• Redazione

Poesia di Taiwan


Enkaryon Ang è nato a Taiwan nel 1981, dove ha studiato Chimica e Scienze biologiche. Sta frequentando il Phd in Biofisica. Ha pubblicato due raccolte in versi, Rorschach Inkblot (2009) e Hedgehog (2014). I suoi testi sono stati inseriti anche in antologie come Post-80 poets of Hong Kong, Macao, and Taiwan (2013) e Evidences of Living (2014). È redattore della rivista di critica letteraria «Secret Reader» e critico d’arte per la rivista «biosmonthly.com» e «mplus.com.tw».

Le sue poesie, delicate però frontali, si increspano all’improvviso e portano lungo sentieri di riflessione anche filosofica. Versi musicali, che non piegano il ritmo alla logica, la superano. I testi che seguono sono stati pubblicati in un’antologia in lingua francese e da lì tradotti.


Alberto Pellegatta



LIMONE

Questa giornata d’estate ti da

una chiara luce

limone fresco

la filatura della galassia in pisolino, sentire sul bordo del sonno più profondo

il respiro dei tetti terrazzati

ricantare il buio deserto bagnato di vita

dall’angolo di un occhio

arrotolare un film che hai perso

in una luce scintillante

in un mondo sfocato sott’acqua

seguire molte persone

nuotare attraverso innumerevoli piscine

al rallentatore, prendere

un breve respiro e alzarsi per asciugarti i piedi

lasci un luogo che non hai mai amato -

la ragazza che amavi segretamente prima

di andare in bagno

ogni piastrella riflette i suoi innumerevoli pensieri

*

LA MORTE DELLA MIA AMATA

Mia moglie non si è mai lamentata di pentole e padelle

parlava solo della sua morte

stava per morire

per morire, digrignava i denti durante tutta la notte

non smetteva di parlare nel sonno

stava per morire

per morire, tirava la trapunta

sto tremando

sta galleggiando come una bara d’ebano

si vanta del suo grande amore

accanto al letto io mento

e sopporto con calma l’eccitazione dei pirati

sta veramente per morire

sono sveglio

morirà nel sonno.

Sono spaventato dalla sua morte

sono davvero spaventato dalla sua morte

nel sonno attraversa la mia morte

quando vado in coma

provo empatia, devo provare empatia

per sentire la sua morte una volta ogni tanto

per conservarne il lutto.

Dimenticati pulsanti del pomeriggio

anima inarcata come un gancio

vestiti sospesi

inarcati, una mano puntella la guancia

La vita continuerà così?

Forse un profondo sospiro

forse un suono scricchiolante

alla fine la gente smette di credere alle dottrine.

Schianta! Poi

emergi dai

vestiti caduti

*

E HO VISTO ANCHE ALZARSI IL SOLE


la mia immaginazione

non può attraversare la zona vietata al volo

il mio cuore è come

l’acquazzone che scende dal grigio

e tutte le cose precipitano nel mondo sotterraneo!

Ma non chiedermi questo:

chi osserva il mio sogno,

chi interroga il mio mormorio,

chi spia la mia fantasia,

chi sorveglia e arresta l’uomo per i suoi pensieri?

Chi si nasconde nel seminterrato delle nostre vite?

Ma non chiedermi questo:

su questa terra

di cui sono l’errore e il crimine?

La mia nascita da queste parti

rende il cuore malinconico

e un po’ indegno;

nessun desiderio mi viene in mente, solo maledizioni!

Di giorno in giorno,

mi fa sempre più spesso domande;

una bomba crea il vuoto tra gli avversari;

la mia immaginazione non va più lontano

del singhiozzo di un bambino.

Il discorso di un politico;

una figura pallida dopo il sonno;

è quindi questa l’azione della giustizia?

Non farmi più questa domanda:

il sogno è prigioniero.

Viaggio!

La cenere, come le stelle sparse nel cielo, si diffonde;

disperdo

occhi, orecchie, la mia bocca

le mani e i piedi.

Non perdonare più gli altri.

Tutte le lingue del mondo non possono aiutare

i nostri pensieri. Siamo raggruppati, come queste mantidi religiose

che, nella loro scatola, muoiono dalla nascita,

ma i loro padroni non sono ancora arrivati alla fine del viaggio.

Poi viene il mattino, quel mattino in cui eravamo circondati da tanta polizia!

Questi segreti portati in piazza

e all’ombra della meridiana

controllano

la calma opprimente in cui si ritrova ancora tutta la città.

*

檸檬

這個夏日給你

明澄的陽光

如摘下的檸檬

午寐旋動的星系,熟睡邊緣感覺

天井的聲息

複頌人生輕濕的沙灘

從眼末一齊

捲著一場

錯過的電影,在一盞閃亮的光下

模糊水下的世界

穿越無數游泳池

跟著許多人游過

慢動作,緩緩

換氣,爬上岸擦腳

離別一個你不曾愛過的地方──

彷彿曾經暗戀過的人

走過浴室的地板

磁磚閃過無數想他的意念

*

愛人的死

愛人從未提過鍋碗瓢盆、雞毛蒜皮之事

她只提到她的死

她要死

要死了,整晚磨牙

講個不停

她要死

要死了,搶我的被子

我抖擻發冷

她漂若黝黑的棺木

她吹噓她的偉大愛情

我躺在床旁

默默忍受海盜船的刺激冒險

真是要死了

我是清醒

她可真得睡死

我害怕愛人的死

我可真害怕愛人的死

她在睡眠中穿越我的冥界

當我進入昏迷

我心懷悲憫、我仍得心懷悲憫

不時聽到她的死訊

保持傷心

*

亦目睹過日出

我的想像力

無法飛越那片禁航區

我的心如同

暴雨從灰色的天空落下

想要把世上所有一切拉至地底

但不要問我這個問題

誰監控我的夢

誰盤問我的囈語

誰窺看我的幻想

誰竊聽

追緝我們生活中

地下室躲藏的思想

但不要問我這個問題

這片土地上

我是誰的罪惡和誰的錯誤

因為出生於此

帶來這一顆鬱悶的心

卻又有點憤懣

無法成為一個祝福,而是詛咒

日繼一日

我發現更多的問題

異議分子炸彈產生的瞬間真空

我的想像力無法飛越

孩子的啜泣

政客的話語

午睡後出現蒼白的臉龐

什麼是正義之舉

不要問我這個問題

關緊閉的夢中

一段旅程

那些如恆星的灰燼飛溢

予以解散

我的眼睛、我的耳朵、我的嘴巴

我的手腳

再也不會原諒他人

世上所有的語言都無法拯救我們

成群的想法

像一盒破卵即死的螳螂

靈魂還未抵達這裡

而我的早晨

許多警察圍繞的早晨

街頭中回報的密語

日晷的陰影

在全盤臨檢這座

無風以上的城市

Taut Editori Milano - P.I. 11104500969