• Redazione

Laboratorio Inediti


Laura Sergio è nata a Lecce nel 1983 e vive a Roma. Ha studiato musica al Conservatorio e si è laureata in Lettere. Ha seguito un Master in Fotografia. Il suo libro d’esordio, Il filo della scure (Manni), è uscito nel 2014. È stata tra i finalisti del Premio Cetona. La sua poesia, a tratti gotica e notturna, non si rifà a nessuna posa prêt-à-porter, risulta quindi originale, perfino nella cadenza. Le quattro poesie che proponiamo dimostrano anche la varietà stilistica dell’autrice.



Ospedale, reparto Protox.

Lo Sciacallo smania

impaziente per il suo veleno.

La trama lisa del tessuto che rodono

le unghie cercano la carne,

preludono allo scorticamento

l’incisione da rinnovare

un corpo tutto da solcare,

squarciato da scavare

per sentirlo più vivo,

più vicino al baratro.


*


Hanno disabitato Rue des Dames

le puttane di Céline,

le ore stremate al termine della notte,

e i tre intirizziti Place Clichy.

Ma sempre la vita continua attraverso le ombre.


*


Cava come il giallo del croco

questa carne che si trapassa

quasi volesse rivoltarla

e farsi come la salamandra

indemagliabile

una pelle indenne al fuoco.


*


Lo Sciacallo pesta la mascella

e la sfrange sull’asfalto

si sfalcia i polsi, si scoperchia il cervello

– la vita è chiara nel cranio di vetro –

si defalca le vene come squarta le ore.

Lo Sciacallo mi sorride e si abbrutisce.

Lo Sciacallo è un cadavere

che ancora non marcisce.

Taut Editori Milano - P.I. 11104500969