• Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon
DoppiaEsposizione.png
Copertina DE 2.jpeg

Laboratorio online di scritture e altre discipline

  • Redazione

Era il 1994. Una mattina partii da Roma che pioveva a montone e atterrai sulle sponde del Bosforo con i gabbiani che disegnavano cerchi nel cielo turchese.

Soggiornai al Pera Palace Hotel, a quattro passi da piazza Taksim, l’ombelico di Istanbul.

L’hotel è un’isola occidentale in un mondo di mille e una luna, tra minareti e incensi. Lì potevi passare dai bucatini all’amatriciana a una mercimek, che sarebbe una zuppa di lenticchie.

Nella hall si mischiavano lingue e abitudini, dai beduini a quelli del Qatar, dai norvegesi ai pugliesi, magari sorseggiando un raki, un’acquavite a base di mais, aromatizzata con anice e menta: ti accoppa.

Beccai un giornalista televisivo italiano che curava un programma alla Quark, quattro chiacchiere per tenersi in allenamento, un caffè, mi sembrò un po’ stanco, era da due giorni a Istanbul e si lamentava del caldo. Comprai le sigarette, costavano uno sproposito, una lucidata alle scarpe da uno sciuscià che sorrideva per far campare la famiglia e via, al casinò.

Vinsi qualche dollaro al poker caraibico e mi scolai mezza abbondante di Oban con uno che lavorava all’Ambasciata francese. Le ragazze erano belle e fumavano solo Camel, chissà perché? I ricchi sono dappertutto.

La mattina seguente mi svegliai prestissimo. Dal terrazzo della mia stanza, vista Corno d’oro, il tempo scorreva eterno, mentre il giorno prendeva forma negli ocra e nei grigi slavati di una città infinita.

La giornata la passai in giro per le vie del centro. Era sabato, l’indomani sarei rientrato a Roma.

C’era Tarkan in concerto quella sera, un cantante molto famoso in Turchia, ci andai volentieri.

Sembrava di stare a uno spettacolo di Madonna in quel cazzo di stadio. Giovani con magliette Benetton, Emporio Armani e Dolce e Gabbana, ragazze di buona famiglia col capo coperto dal fazzoletto anatolico ma scatenate peggio delle fan di Vasco.

Pensai che l’Italia è ovunque e ovunque si sente il bisogno di essere liberi.

Her şey yolunda, va tutto bene.